Spedizione gratuita per ordini superiori a 16 €

Proteici

biscotto proteone

L’idea nasce dalla voglia di creare un vero è proprio alimento, non un semplice biscotto proteico, da qui il nome Proteone.

Gli aminoacidi essenziali presenti nelle proteine che utilizziamo svolgono una funzione fondamentale per far si che le proteine si “leghino a dovere” al muscolo.

La combinazione, tra carboidrati, proteine e fibre, rendono versatile i nostri Proteoni; si possono usare come un sostitutivo del pasto in situazioni di poco tempo disponibile, o in contesti in cui si debba rimanere leggeri, ma avere la giusta dose di concentrazione.

Ideali come snack o prima, durante o dopo l’attività sportiva, oppure per una sana colazione per partire con il giusto pieno di energie, evitando picchi glicemici. La versione integrale e senza zucchero è ideale per chi è attento alle funzioni intestinali e ai picchi glicemici

Il Proteone Rovai è ricco di proteine con un elevato contenuto di aminoacidi, così da poter fornire “Energia per tutti”, combinato con gli ottimi ingredienti è un biscotto ricco di nutrienti, ma facilmente digeribile.

Scopriamo di più sulle proteine.

Le proteine sono (dopo l’acqua) le molecole biologiche più abbondanti nel corpo umano e in tutti gli organismi viventi; si trovano in tutte le cellule e costituiscono almeno il 50% del loro peso secco.

Insieme a glucidi (comunemente detti carboidrati) e lipidi (grassi), le proteine sono uno dei tre macronutrienti indispensabili per la nostra sopravvivenza: assicurano la crescita e il rinnovamento dei tessuti, permettono la digestione, lo sviluppo delle difese immunitarie e il trasporto dell’ossigeno del sangue.

Le proteine sono formate da lunghe sequenze di amminoacidi (l’unità costitutiva della proteina), che si uniscono l’uno all’altro attraverso particolari legami,

la funzione più importante delle proteine è quella regolatrice ed energetica svolta dagli enzimi, che agiscono accelerando le reazioni biologiche e trasformando reazioni lente in processi più veloci.

schema proteine

Le proteine assolvono anche altre funzioni importanti nel nostro organismo tra cui:

  • plastica/strutturale o di sostegno(ad esempio il collagene che costituisce il tessuto connettivo o la cheratina delle unghie o dei peli)
  • protettiva(come il fibrinogeno del sangue che ne permette la coagulazione o gli anticorpi che l’organismo produce per difendersi da batteri e virus)
  • di trasporto(ad esempio l’emoglobina dei globuli rossi del sangue, che serve per fissare l’ossigeno dell’aria respirata e distribuirlo alle cellule per svolgere le loro funzioni metaboliche)
  • di deposito(ad esempio la ferritina, proteina che cattura, perché non sia eliminato, tutto il ferro che la milza recupera dalla demolizione dei globuli rossi vecchi)
  • contrattile(ad esempio l’actina e la miosina, che permettono ai muscoli di accorciarsi e allungarsi facendo il proprio lavoro)

(fonte ISS)

Gli aminoacidi (o amminoacidi) sono l’unità strutturale primaria delle proteine. Possiamo quindi immaginare gli aminoacidi come mattoncini che, uniti da un collante chiamato legame peptidico, formano una lunga sequenza che dà origine ad una proteina.

Una buona proteina deve essere costituita da una buona qualità di aminoacidi, come quelle della ricetta del Proteone Rovai, fonte di energia, ma ad alta digeribilità.

Che differenza c’è tra le proteine contenute nella pasta e quelle contenute nel latte o nell’uovo? Una risposta giusta potrebbe essere la quantità. Ma in realtà la differenza è ben più importante!

Per qualità proteica si intende la capacità di una data proteina o di una miscela di proteine di soddisfare le necessità metaboliche dell’organismo, fornendo cioè le giuste quantità di amminoacidi essenziali.

La valutazione della qualità proteica può essere utilizzata per determinare le caratteristiche nutrizionali di un alimento o per definire l’adeguatezza della dieta, e può fornire informazioni a scopi normativi o nella formulazione di nuovi prodotti alimentari.

La qualità proteica varia in funzione di due principali fattori:

  • digeribilità della proteina
  • composizione in aminoacidi essenziali (“score” amminoacidico)

 

0